storieabruzzesi.it

blog d'informazione

Archivio per ottobre 2011

L’altra Unità, le lingue minori per l’unificazione

nessun commento

Le tante lingue del Belpaese

Nel 150° anniversario dell’Unità d’Italia, la rassegna “Emergenze Mediterranee” dedica un evento alle tante “alterità” che compongono l’identità del nostro Paese. Un viaggio nel tempo e nello spazio all’interno del grande e misconosciuto patrimonio culturale nascosto tra le minoranze linguistiche presenti nella nostra Italia. Ladini, occitani, arbëreshe, sardi, sloveni, friulani sono solo alcune delle comunità che hanno avuto un ruolo fondamentale nel processo di unificazione nazionale.

Qusto pomeriggio, alle ore 18, nella Sala San Carlo del Museo Archeologico di Teramo, alle voci degli studiosi si mescolerà la voce narrante di Claudio Marchione. Racconti nei quali alla lingua “di tutti” si intrecceranno le lingue “di pochi”, suoni sconosciuti e dallo straordinario potere evocativo, che aggiungono nuovo senso al nostro frasario comune.

Continua la lettura »

Scritto da Redazione

venerdì 28 ottobre 2011 alle 13:01

576 visualizzazioni

Lamonica, fischi e fiaschi di un arbitro internazionale

nessun commento

La copertina del libro-diario dell'arbitro di basket Lamonica

Nell’ambito del 16° Premio Nazionale Paolo Borsellino (www.premiopaoloborsellino.it) è prevista la presentazione, in anteprima nazionale, del libro dell’arbitro internazionale di basket, di origini pescaresi, Luigi Lamonica, edito da Carsa ed intitolato “DECIDERE. Fischi e fiaschi olimpici, mondiali ed europei di un arbitro di basket” (CARSA Edizioni, 168 pagine, 326 foto a colori, 22 Euro). Il volume è curato da Luca Maggitti.

La presentazione si svolgerà domani, venerdì 28 ottobre, alle ore 17.30, a Roseto degli Abruzzi (Teramo), nella Villa Comunale (via Nazionale 250). Nel corso della presentazione del libro, l’autore dialogherà sull’argomento “Sport e Regole” con il giornalista e scrittore Flavio Tranquillo.

 

Continua la lettura »

Scritto da Redazione

giovedì 27 ottobre 2011 alle 16:14

278 visualizzazioni

Folk d’Abruzzo, vola negli Usa la poesia dei DisCanto

4 commenti

I DisCanto a Vineland (New Jersey) lo scorso 12 ottobre

Sembra quasi di vederli, i boscaioli di Villavallelonga, camminare verso casa cantando “L’aria alla Villa è l’aria fina, bbiate a chi ce sta, chi la respira. I ttrune, i ttrune anè, bbiate a chi ce sta, chi la respira” (L’aria alla Villa è aria fina, beato chi ci sta, chi la respira. E tuona, tuona, beato chi ci sta, chi la respira”), rassicurando il proprio amore a chi li sta aspettando. O le donne di Cupello battersi il petto cantilenando “Mare maje”, “povera me”, con melodie che ricordano quelle balcaniche, ereditate dall’invasione turca del XV secolo: melodie che si ritrovano anche nel terzo movimento della prima sinfonia di Malher, autore attento alle tradizioni popolari di quell’area. Filastrocche, ninne nanne e canti d’amore della tradizione contadina abruzzese sono nel repertorio del terzo millennio del gruppo sulmonese di musica etnica abruzzese “DisCanto”.

Continua la lettura »

Scritto da Cristina Mosca

mercoledì 26 ottobre 2011 alle 18:00

543 visualizzazioni

Politica, Di Sante: tante vetrine e manca il confronto

nessun commento

Giandomenico Di Sante

Vi proponiamo l’intervista a Giandomenico Di Sante, presidente della Banca dell’Adriatico ed autorevole esponente dell’economia abruzzese, pubblicata sul numero di ottobre 2011 di Unindustria, magazine di Confindustria Teramo. La vera sfida, secondo Di Sante, è l’innovazione. Anche in politica…

Presidente Di Sante, la crisi non sembra risparmiare nessuno. E le banche, spesso, vengono accusate di non sostenere abbastanza le imprese. È vero o è falso?
«Innanzitutto bisogna dire che questa è una crisi particolare. Non somiglia tanto a quella del 1929, secondo me, ma a quella tra il 1973 e il 1979, ovvero alla crisi petrolifera, dopo la guerra del Kippur, quando il prezzo del petrolio andò a finire alle stelle. È stato un periodo molto lungo e la crisi è stata superata con una notevole gradualità e con un percorso molto impegnativo».

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

lunedì 24 ottobre 2011 alle 17:01

76 visualizzazioni

Cucina della frutta, l’esperimento dell’Accademia

nessun commento

Luigi Marini, delegato degli accademici della cucina teramani

Antipasto: pera e gorgonzola (una delizia!), prugne al bacon e crostino al cacio marcetto e fichi caramellati. Primi: ravioli alle noci e ricotta in salsa demi-glace e tartufo nero (superlativi!), carnaroli alle pere e crema di pecorino. Le carni: dorso di maialino croccante con patate viola e mele in tempura, anatra all’arancia in due cotture (regina della serata!) servita insieme a biete saltate con guanciale e insalatina “sfiziosa” con frutta. Il tutto innaffiato da un ottimo Montepulciano quale si è dimostrato il Villa Medoro del 2008. L’aperitivo, invece, era caratterizzato dalla presenza di un inedito (ed apprezzatissimo) Prosecco con melograno, di sangria e spiedini di frutta.

La “cucina della frutta”, tema scelto per la cena ecumenica di quest’anno dall’Accademia italiana della cucina ed organizzata in provincia di Teramo dalle delegazioni di Teramo e Atri, non ha deluso le aspettative.

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

sabato 22 ottobre 2011 alle 18:06

184 visualizzazioni

La guerra di Cancellieri: incubi che non si scordano

nessun commento

La copertina dell'ultimo libro di Lucio Cancellieri

Il linciaggio di una spia, rea di aver segnalato ai tedeschi la presenza di partigiani sulle montagne. La fucilazione di alcuni innocenti, colpevoli solo di trovarsi al posto sbagliato nel momento sbagliato e di essere scambiati per ribelli. Le azioni indimenticabili di alcuni eroi, il cui sacrificio colpisce sia per il coraggio sia per il significato che assume agli occhi di chi resta. Tutto questo ed altro ancora in un libro – che si legge d’un fiato – sulla Resistenza a Teramo. Il libro si chiama “Momenti di guerra” (Marte Edizioni) e l’autore è Lucio Cancellieri. Ottanta pagine, fatte interamente di testimonianze scritte e fotografiche e documenti, che parlano quasi mai attraverso gli occhi dell’autore ma sempre attraverso il ricordo di chi ha visto, di chi ha vissuto (a volte con orrore) sulla propria pelle la tragedia della seconda guerra mondiale.

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

mercoledì 19 ottobre 2011 alle 18:34

95 visualizzazioni

L’Aquila, in sei in un bilocale (con i topi)

nessun commento

Elvis indica il punto dove uscivano i ratti

In fuga dai topi. La storia di Elvis, 44 anni, un infarto alle spalle e altri problemi di salute in corso, è una storia di ordinario orrore, oggi, a L’Aquila, a due anni e mezzo dal terremoto. Elvis vive con la moglie Rita, 43 anni, due figli di diciassette e diciotto anni, la compagna di uno di questi e il bimbo di otto mesi della giovane coppia, a Monticchio, una frazione del capoluogo nelle vicinanze di Onna. In sei in un bilocale di appena 55 metri quadrati.

Abita qui da quando, cinque anni fa, ha occupato abusivamente uno dei 72 appartamenti di un imponente e malmesso casermone dove, in seguito al terremoto, sono arrivati la muffa e i topi. Ratti, più che semplici topi, grandi e aggressivi. Per stessa ammissione dell’Ater, intervenuta con la Asl già una prima volta ma, almeno finora, con esito parziale.

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

lunedì 17 ottobre 2011 alle 15:01

127 visualizzazioni

Studio sull’ictus, premiato il Mazzini

nessun commento

Vincenzo Di Egidio

L’unità operativa semplice dipartimentale di radiologia vascolare e interventistica, diretta da Vincenzo Di Egidio, ha ottenuto il premio conferito dalla “European society of neuroradiology cum laude poster award diploma” nel XXXV congresso della Società europera di neuroradiologia tenutosi ad Anversa (Belgio).

 Al congresso è stato presentato uno studio, condotto dai medici teramani Edoardo Puglielli, Maurizio Fuschi, Maurizio Monina (il primario della Radiologia) e dallo stesso Di Egidio, su 42 pazienti sottoposti, da aprile 2009 a maggio 2011, a “trombolisi farmacologica ed embolectomia meccanica loco-regionale nello stroke ischemico iperacuto”.

Continua la lettura »

Scritto da Redazione

lunedì 17 ottobre 2011 alle 14:53

158 visualizzazioni

Glm, storia di un’azienda “tedesca” in Abruzzo

2 commenti

Graziano Forcini (a sinistra) e Peppino Barlafante

Unindustria, il magazine di Confindustria Teramo, ha pubblicato nell’ultimo numero (ottobre 2011) la storia del Gruppo GLM, con sede a Castelnuovo Vomano, una realtà nata tredici anni fa dall’idea di alcuni operai della Mta. Graziano Forcini e Peppino Barlafante raccontano in questa intervista una bella avventura, che passa anche per l’acquisizione e il salvataggio della loro ex azienda…

 Quando è iniziata questa avventura?

Graziano Forcini: «Abbiamo iniziato nel 1998. Eravamo in tre, tutti operai dipendenti della Mta del gruppo Metalfin, la prima realtà metalmeccanica della zona, il cui stabilimento era situato nella zona di Mosciano. All’inizio è stata una sfida, avevamo voglia di fare qualcosa di importante».

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

domenica 16 ottobre 2011 alle 18:22

4.733 visualizzazioni

Letterature della sopravvivenza a Teramo

nessun commento

Claudio Salvagno, poeta in lingua occitana

Sono letterature “dell’esiguità”, espressioni di comunità talora fortemente minoritarie, a rischio di estinzione. Sono le “letterature della sopravvivenza”, espressioni viscerali di soggetti in costante ricerca di identità, segnati da un’identità multipla che è a un tempo ricchezza e smarrimento.

Così domani (venerdì 14 ottobre) “Emergenze Mediterranee” dedica un appuntamento al grande e misconosciuto patrimonio culturale delle minoranze linguistiche. Alle ore 18.00, presso la Sala San Carlo del Museo Archeologico in Via Delfico a Teramo, un racconto a più voci incentrato sulle espressioni letterarie a rischio di estinzione.
In scena le voci di Claudio Salvagno poeta occitano delle Valli Piemontesi e Dijana Pavlovic attrice romnì di origine serba.

Continua la lettura »

Scritto da Redazione

giovedì 13 ottobre 2011 alle 15:40

89 visualizzazioni