storieabruzzesi.it

blog d'informazione

Archivio per marzo 2011

Icarus, caccia ai messaggeri dell’universo

nessun commento

Lucia Votano dirige i Laboratori del Gran Sasso

In una delle grandi caverne del laboratorio sotterraneo di fisica più grande del mondo comincia la caccia ai neutrini, le particelle che sono i messaggeri degli aspetti più misteriosi dell’universo.

Nei Laboratori dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) del Gran Sasso è  stato inaugurato ieri l’esperimento Icarus.

Il suo padrino è stato il Nobel Carlo Rubbia, che lo ha ideato nel 1977. «E’ un esperimento nato dalla curiosità e segna un primato per l’Italia», ha detto Rubbia.

Continua la lettura »

Scritto da Redazione

mercoledì 30 marzo 2011 alle 8:59

68 visualizzazioni

La missione di suor Daniela in Confindustria

nessun commento

Fabio Spinosa Pingue e suor Daniela

«Cosa può fare una religiosa in Confindustria? E’ una domanda che mi sono fatta spesso in questi giorni, ma la risposta l’ho trovata nel Vangelo: “Siate lievito per fermentare la massa”».

Suor Daniela Di Bacco, 46 anni, responsabile della gestione del personale dell’Istituto della Dottrina Cristiana (più di 20 sedi sparse tra Italia, Congo e Bolivia) e dirigente scolastico, è entrata nel direttivo di Confindustria L’Aquila.

L’ha voluta, in qualità di “invitata permanente”, il neo-presidente Fabio Spinosa Pingue, che crede profondamente nella necessità di aprire il mondo dell’associazionismo d’impresa a quanti lavorano attivamente nel mondo del sociale e dell’educazione.

Continua la lettura »

Scritto da Redazione

lunedì 21 marzo 2011 alle 17:59

425 visualizzazioni

Laurea inservibile? Faccio il calzolaio

7 commenti

Marco Grazietti

I suoi nonni non volevano. I suoi genitori hanno accolto con stupore la novità. Ma lui, Marco Grazietti, 27 anni, teramano, laureato in Biotecnologie con 108 su 110 e calzolaio di professione da pochissimi giorni, è contento così. Ha dato un calcio alla disoccupazione e ripete che «non ha prezzo non avere padroni».

Da quando ha aperto la “Calzoleria Grazietti”, una piccola ma deliziosa bottega lungo corso Cerulli, uno dei corsi centrali di Teramo, i clienti fanno a gara per portargli scarpe e scarponcini da aggiustare. Marco è cordiale con tutti, molto professionale nell’illustrare i problemi o i difetti delle varie calzature e i rimedi per ripararle. Offre anche servizi speciali, come la risuolatura delle scarpe da montagna o da ballo o i mocassini su misura. Un giovanotto, ottimista ed estroverso, che ha ridato vita ad un mestiere che sta scomparendo.

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

giovedì 17 marzo 2011 alle 10:22

760 visualizzazioni

«Ecco perché resto in Giappone»

un commento

Enrico Pelillo

Storieabruzzesi.it ha contattato via Facebook Enrico Pelillo, ingegnere teramano da dieci anni in Giappone, chiedendogli di raccontare la sua personale esperienza del devastante terremoto che ha colpito il Paese. Pelillo ha accettato di rispondere alle nostre domande. Il risultato è questa intervista che vi proponiamo integralmente.

Enrico, dov’eri quando è arrivata la scossa più forte?

«Ero a casa, lavorando al pc su alcuni documenti. Per intenderci, a Kobe, dove vivo, che è a circa 800 chilometri dall’epicentro, la scossa non si è nemmeno sentita. Però il sistema di allerta giapponese, tra i più efficienti al mondo, ha trasmesso la notizia del terremoto su tutti i canali tv e radio immediatamente (roba di secondi). Letta l’entità della scossa, ho capito immediatamente che si trattava di qualcosa di importante, non le solite ‘scossette’ cui ci si abitua da queste parti».

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

mercoledì 16 marzo 2011 alle 15:33

210 visualizzazioni

Quell’intervista “puntuta” a Giovanni Falcone

nessun commento

Giovanni Falcone

È in caduta libera Giovanni Falcone, quel giorno di marzo quando viene in Abruzzo, Chieti, convegno sui consueti temi di giustizia, 21 anni fa.

Il C.S.M. lo ha  appena bruciato nella corsa al vertice dell’antimafia, preferendogli tale  Giammanco, maggiore anzianità di servizio ma nessun profilo specifico. Scrutinio a sorpresa, una stilettata  con la complicità – si disse  – della corrente che  avrebbe dovuto sostenerlo. Giovanni Falcone, invece che all’antimafia, finisce al Ministero, colletto bianco, però incarico apicale; una promozione, anche quella, dunque non si lamenti……..

Tutto avviene mentre il pool di Palermo perde i pezzi, smantellato, giorno dopo giorno, con le buone o con le cattive.

Continua la lettura »

Scritto da Lodovico Petrarca

lunedì 14 marzo 2011 alle 12:20

686 visualizzazioni

Le conversazioni di Gambacorta su Flaiano

nessun commento

Ennio Flaiano

Simone Gambacorta ama la letteratura, si nutre di letteratura, la indaga, ne parla, la avvicina e le gira intorno come danzasse, con leggerezza nel senso calviniano, leggerezza della pensosità, non della frivolezza. Sia nelle recensioni critiche che nelle interviste, lo sguardo di Simone Gambacorta fugge la curiosità spicciola, biografica, documentaria. Il suo é un approccio paziente, pacato, morbido alla ricerca di una segreta simmetria con la parola e l’anima di un libro, di un autore.

In questo caso sotto la lente di ingrandimento dell’intervista c’è il grande Ennio Flaiano, e il contrappunto è a più voci: con Vittoriano Esposito, Renato Minore, Giuseppe Rosato e Lucilla Sergiacomo, intellettuali che hanno avuto rapporti di lunga durata, di intesa profonda col grande satiro.

Continua la lettura »

Scritto da Redazione

venerdì 11 marzo 2011 alle 9:17

106 visualizzazioni

Le alte vie dell’alpinista D’Angelo

un commento

Lino D'Angelo mostra gli attrezzi di un tempo

Da dodici anni non fa più salite, ma le ha ripercorse tutte nel suo libro autobiografico Le alte vie di una vita (Verdone Editore), uscito in questi giorni. Si tratta dell’ultima «scalata» dell’aquilotto del Gran Sasso e guida alpina emerita, Lino D’Angelo.

Classe 1921, Lino, monumento vivente dell’alpinismo italiano e memoria storica delle genti del Gran Sasso,  ad 88 anni suonati si è rimesso in gioco e ha iniziato a buttar giù la sua avventurosa vita sulle «alte vie» delle diverse vette che ha scalato in oltre sessant’anni  di alpinismo.

Continua la lettura »

Scritto da Catia Di Luigi

mercoledì 09 marzo 2011 alle 17:02

590 visualizzazioni

Torresini, il chirurgo che cambia la pelle

nessun commento

Guido Torresini

Primi in Abruzzo a usare lembi di pelle artificiale, importanti nella cura dei tumori della pelle o nella ricostruzione di tessuto nelle ferite. La nuova tecnica viene applicata nel laboratorio di chirurgia plastica ricostruttiva inaugurato una decina di mesi fa al Mazzini.

Il laboratorio è inserito nella Chirurgia generale diretta da Riccardo Lucantoni. «Stiamo parlando», spiega il responsabile, Guido Torresini, «del derma rigenerativo artificiale. E’ un particolare materiale utile nella ricostruzione, soprattutto in presenza di tumori della pelle o di grosse perdite di pelle, ad esempio per traumi. Questa metodica si può applicare anche sulle piaghe da decubito, cioè le ulcere che non si chiudono mai».

Continua la lettura »

Scritto da Redazione

martedì 08 marzo 2011 alle 9:07

523 visualizzazioni

Chiodi su ripresa, sanità, rifiuti e inchieste

nessun commento

Gianni Chiodi

Di seguito l’intervista rilasciata dal presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, al magazine “Unindustria” di Confindustria Teramo e pubblicata nel numero di febbraio in corso di distribuzione.

Presidente Chiodi, lei propone un Patto per l’Abruzzo: è più alto il sacrificio che chiede al sistema produttivo o il beneficio che promette?

«Il Patto per l’Abruzzo è lo strumento che è nato per contribuire alla ripresa dello sviluppo in questa regione. Questa è l’idea che abbiamo del Patto e su questa impostazione intendiamo andare avanti…» Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

domenica 06 marzo 2011 alle 11:51

86 visualizzazioni

Una legge per far risorgere il capoluogo d’Abruzzo

nessun commento

S.Maria di Paganica

Ci sarà tempo fino al 6 marzo per firmare la proposta di legge di iniziativa popolare per la ricostruzione dell’Aquila. Sono state raccolte già ventimila firme, ma ne servono cinquantamila.

E’iniziata il 27 febbraio e si concluderà il 6 marzo la settimana di mobilitazione per L’Aquila. In questi giorni in molte piazze d’Italia sarà possibile apporre la firma alla proposta di legge di iniziativa popolare scritta dai cittadini abruzzesi.

Il testo rappresenta un vero e proprio esercizio di democrazia, dal momento che alla sua stesura hanno partecipato centinaia di persone.

Continua la lettura »

Scritto da Redazione

mercoledì 02 marzo 2011 alle 14:01

50 visualizzazioni