storieabruzzesi.it

blog d'informazione

Il podcast (abruzzese) nato per non perdersi di vista

nessun commento

Il logo del podcast “Una vita da lontano”

C’è chi parte per vivere un’esperienza professionale diversa, chi per inseguire un amore. Poi all’estero trovano davvero lavoro, mettono davvero su famiglia e non tornano più. Ma il legame con l’Italia resta fortissimo e, pur a volte criticandone gli aspetti negativi, tutti gli intervistati rimpiangono del nostro Paese le cose più preziose, la cucina al primo posto.

“Una vita da lontano” (su YouTube e altri canali social) è il podcast che racconta la vita degli expats italiani di oggi ed  è nato dall’idea di tre giornalisti teramani i quali in passato – prima che due di loro si trasferissero all’estero – conducevano programmi radiofonici d’intrattenimento in alcune radio locali….

… Sono Piero Carlucci (che ora risiede a Malta e lavora come gaming manager per il mercato svedese), Raffaele Labrozzi (che si è trasferito a Cork, in Irlanda, e lavora per una multinazionale) ed Emiliano Pilotti (l’unico che è rimasto in Italia continuando a specializzarsi in comunicazione video).

Tutti e tre hanno tra i 47 e i 48 anni e, a distanza di 17 anni dalla loro ultima trasmissione “fisica” in una radio “vera”, hanno deciso di ricrearsi un ambiente virtuale dove potersi incontrare di nuovo e intervistare chi, come Piero e Raffaele, ha trasferito all’estero il proprio progetto di vita.

In poco più di anno di attività sono già 67 gli intervistati, tra i quali nomi già conosciuti come Gaia Dominici, che lavorava come fotografa a Milano e in Kenya si è innamorata di un guerriero Masai; Filippo Tattoni Marcozzi, teramano anche lui, curatore d’arte di artisti come Elton John ed ex direttore della Goss- Michael Foundation; Luca Manfè, vincitore di Masterchef Usa; Raffaele d’Andrea, carabiniere all’ambasciata di Dublino e scrittore di fantascienza.

Ma tra quelle realizzate ci sono anche storie inedite come quelle di Giulia, che si è trasferita in Giappone e fa la sommelier di sakè; Adele, che vive in Spagna e dirige una rivista; Patrizio, cuoco di successo a Varsavia; Giovanni, blogger in Giappone.

Persino il sottoscritto – nel corso di una puntata che tra il serio e il faceto era stata organizzata per rimediare alle difficoltà di organizzare una intervista per questo blog – si è ritrovato nella schiera dei “personaggi” del podcast.

In realtà, la cosa più interessante che ho scoperto, quella più poetica se volete, è che questi tre colleghi si ritrovano quasi ogni settimana, rosicchiando parte del proprio tempo libero, per non perdersi di vista e continuare a frequentarsi anche solo online.

Il web, i social, non hanno solo il maledetto difetto di renderci “addicted” come se fossero una droga, ma anche uno straordinario potere benefico: accorciano le distanze e rendono possibile il miracolo di continuare a coltivare un’amicizia anche a migliaia di chilometri di distanza.

Lunga vita dunque a… “Una vita da lontano”, podcast abruzzese dell’amicizia, una pozione salvifica e rara, da prendere a dosi massicce, soprattutto in questo periodo.

Nicola Catenaro

di Nicola Catenaro

lunedì 14 marzo 2022 alle 16:19

122 visualizzazioni

Lascia un commento

*