storieabruzzesi.it

blog d'informazione

Archivio per la categoria ‘Cultura & Spettacoli’

Il podcast (abruzzese) nato per non perdersi di vista

nessun commento

Il logo del podcast “Una vita da lontano”

C’è chi parte per vivere un’esperienza professionale diversa, chi per inseguire un amore. Poi all’estero trovano davvero lavoro, mettono davvero su famiglia e non tornano più. Ma il legame con l’Italia resta fortissimo e, pur a volte criticandone gli aspetti negativi, tutti gli intervistati rimpiangono del nostro Paese le cose più preziose, la cucina al primo posto.

“Una vita da lontano” (su YouTube e altri canali social) è il podcast che racconta la vita degli expats italiani di oggi ed  è nato dall’idea di tre giornalisti teramani i quali in passato – prima che due di loro si trasferissero all’estero – conducevano programmi radiofonici d’intrattenimento in alcune radio locali….

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

lunedì 14 marzo 2022 alle 16:19

117 visualizzazioni

L’uomo che voleva essere invisibile, il Renard inedito

nessun commento

La copertina del libro di Renard edito da Galaad

Alla casa editrice abruzzese Galaad va il merito di aver tradotto e pubblicato (per la prima volta in Italia) tre deliziosi racconti del francese Maurice Renard, maestro nei primi decenni del Novecento della cosiddetta “letteratura speculativa” (oggi più conosciuta come “science fiction”). La raccolta si intitola L’uomo che voleva essere invisibile e altre storie insolite ed è stata curata da Giorgio Leonardi, che ha tradotto anche i testi.

Divertenti, sottili, ironici, delicati e al contempo forti (nel senso che le storie, effetti “speciali” e gusto del macabro a parte, hanno il potere genuino di stimolare l’immaginazione), questi racconti colpiscono, a distanza di oltre un centinaio di anni da quando sono stati scritti, per la loro freschezza e per la facilità con cui si fanno leggere.

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

lunedì 27 dicembre 2021 alle 12:57

85 visualizzazioni

Frammenti urbani, il miracolo di una città

nessun commento

Largo San Matteo (Di Antonio)

Osservare la propria città con occhi nuovi o diversi, come siamo abituati a dire con un’espressione un po’ abusata, non significa necessariamente essere più attenti ai suoi angoli e alle sue bellezze mentre la percorriamo. Significa, al contrario, perdersi nell’osservazione e diminuire lo sforzo analitico di concentrazione sui suoi dettagli per dare più spazio alla fantasia e alle sensazioni che riceviamo da una relazione rinnovata con il mondo esterno.

E questo capita raramente a chi vive il contesto urbano ogni giorno. Se c’è un merito in Armando Di Antonio, da molti anni reporter al servizio della cronaca giornalistica e apprezzato ritrattista e fotografo/artista a 360 gradi, è quello di continuare a stupirsi di fronte alla bellezza che la sua stessa città gli trasmette. Ogni giorno.

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

domenica 31 ottobre 2021 alle 10:55

86 visualizzazioni

Bosco Martese, sugli alberi i volti dei partigiani

nessun commento

Uno studente posa a Bosco Martese davanti all’obiettivo di Luciano Adriani

“Passeggiavo in quei boschi e a un certo punto ho visto chiaramente quelle immagini come trasfigurate nella corteccia degli alberi. I nodi della corteccia, i segni sui tronchi, disegnano come per un effetto magico delle espressioni che in quel luogo sembrano arrivare dal passato, sembrano appartenere ai combattenti di quella battaglia. Ho immaginato che chiedessero aiuto, che ci implorassero di non scordarli”. Luciano Adriani, fotografo teramano con alle spalle una esperienza notevole anche come reporter, ha operato forse inconsapevolmente lui stesso una magia, vedendo qualcosa che altri non avevano ancora visto e riaccendendo i riflettori su un luogo, Bosco Martese, tanto celebrato e commemorato in passato quanto troppo spesso, almeno di recente, dimenticato o addirittura non conosciuto dalle giovani generazioni.

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

venerdì 15 ottobre 2021 alle 14:52

96 visualizzazioni

Nanco, il “brigante” che canta l’Abruzzo di Marcinelle

un commento

Nino “Nanco” Di Crescenzo

Si fa chiamare Nanco (come il leggendario brigante che si opponeva ai Savoia) ma il suo vero nome è Nino Di Crescenzo. Di professione fa il tabaccaio e alla tabaccheria che ha ricevuto in consegna dalla sua famiglia, con il tempo, ha annesso anche un bar. Vive a Notaresco, un piccolo comune dell’entroterra teramano.

Circa sette anni fa varcò la soglia del suo bar-tabacchi Goran Kuzminac. Il grande cantautore, scomparso due anni fa, vide per caso i testi che scriveva e lo incoraggiò a continuare. Nanco non sapeva neanche suonare la chitarra né aveva mai preso lezioni di canto. Così, da autodidatta, a 38 anni suonati, inizia.

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

domenica 22 novembre 2020 alle 12:45

587 visualizzazioni

L’Abruzzo gotico che assomiglia a un racconto di Poe

nessun commento

Processione del Venerdì Santo a Ortona (Goticoabruzzese.it)

Non capita tutti i giorni di imbattersi in chi ha una passione analoga alla propria. Se poi la passione si rivela gemella, il caso è unico. Pensavo peraltro di essere tra i pochissimi, attualmente, a osservare la mia regione, l’Abruzzo, con gli occhi di scrittori come Poe o Lovecraft, e a cercare di estrapolare da questa visione un progetto culturale o dei semplici racconti in stile. Poi, giorni fa, navigando sui social, ho scoperto che esiste una pagina Facebook Gotico Abruzzese.  E che a questa pagina corrisponde un blog, pieno di immagini e suggestioni meravigliose. Un reperto prezioso. Da autentici collezionisti. Abbiamo indagato. Ecco cosa ci ha risposto Antonio Secondo, editor e fondatore del progetto.

 

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

lunedì 12 novembre 2018 alle 17:08

914 visualizzazioni

La vita di un disabile raccontata da un disabile

nessun commento

Un momento dello spettacolo

Un momento dello spettacolo

La vita, i sentimenti, le difficoltà, le gioie e, a volte, la disperazione di un ragazzo affetto da tetraparesi spastica, raccontati con la sua voce, i suoi occhi, i suoi stessi movimenti. Un’opera che ha colpito e intenerito allo stesso tempo. S’intitola “Flusso di coscienza” lo spettacolo, patrocinato dalla Regione Abruzzo, che è stato allestito nel teatro Comunale di Atri, sabato 15 e domenica 16 ottobre, e che narra, con chiarezza e lucidità, la storia vera di un ragazzo diversamente abile. Un successo, se si considerano il calore e la partecipazione con cui lo spettacolo è stato accolto.

Continua la lettura »

Scritto da Redazione

martedì 18 ottobre 2016 alle 9:37

211 visualizzazioni

Compie cent’anni (ed è abruzzese) l’auto più rara

nessun commento

Il prototipo della "Docteur" del 2016 in mostra a Teramo

Il prototipo della “Docteur” del 2016 in mostra a Teramo

Cilindrata 1470, motore monoblocco a 4 cilindri, 3 velocità, potenza 10 HP, velocità massima 75 chilometri l’ora. Sono le caratteristiche di questo modello, costruito in soli tre esemplari al mondo per incarico di Bugatti Citroen, che realizzò tali prototipi nel 1916 con caratteristiche uniche, prima di avviare la produzione in serie della classica “Docteur” nel 1919.

Dei tre prototipi iniziali, questo è l’unico esemplare sopravvissuto fino ai nostri giorni. Da ricerche effettuate in Francia, risulta che una delle tre vetture fu requisita e utilizzata nella Grande Guerra per rifornire il fronte mentre l’altra è appartenuta ad un medico francese che la distrusse in un incidente stradale.

Continua la lettura »

Scritto da Redazione

giovedì 16 giugno 2016 alle 9:07

349 visualizzazioni

Architetti d’Abruzzo in festa all’Arca

nessun commento

DSC_3238Al via la 1° “Festa dell’Architettura d’Abruzzo: archiTEtture_visioni contemporanee”, promossa dalla Federazione degli Ordini degli Architetti di Abruzzo e Molise e dall’Ordine degli Architetti della Provincia di Teramo, in collaborazione con quelli di L’Aquila e Chieti e l’Agenzia per l’Architettura d’Abruzzo.

L’evento, in corso negli spazi de L’Arca, in largo San Matteo, a Teramo, si propone di approfondire “processi, visioni, luoghi, risorse” e coinvolgere la cittadinanza in un “percorso di partecipazione e dialogo”.

Continua la lettura »

Scritto da Redazione

giovedì 16 giugno 2016 alle 8:51

193 visualizzazioni

Marcoaldi e l’Abruzzo che somiglia a Caravaggio

nessun commento

Uno dei ritratti di Marcoaldi in mostra

Uno dei ritratti di Marcoaldi in mostra

Due anni di lavoro, 16mila chilometri percorsi, 46 località e 81 modelli. Sono i numeri dell’imponente lavoro realizzato dal fotografo Giorgio Marcoaldi in “Abruzzo, Terra di Emozioni” (MG edizioni, 2016, pagg. 132), che sarà presentato al pubblico sabato 11 giugno, alle ore 18, al Museo delle Genti d’Abruzzo di Pescara.

Il volume, tradotto anche in inglese, racconta in 59 quadri fotografici (ve ne allego 4, copertina compresa) altrettante storie di gente abruzzese, in una narrazione storica che va dai Sanniti ai giorni nostri.

Marcoaldi si serve di location tipiche poco conosciute, che fanno da sfondo a modelli non professionisti (dall’ultraottantenne al neonato) immortalati in scene di vita quotidiana, in ambienti domestici immutati nel tempo, storici o paesaggistici.

Continua la lettura »

Scritto da Redazione

venerdì 10 giugno 2016 alle 15:26

275 visualizzazioni