storieabruzzesi.it

blog d'informazione

Archivio per gennaio 2013

Diario di Alberto: dissi no e diventai un numero

nessun commento

La lapide che ricorda Alberto Pepe

“Ufficiale di Artiglieria teramano, partecipò alla Campagna di guerra in Croazia e dopo l’8 settembre 1943 non accettando la collaborazione con i tedeschi, fu arrestato dai nazisti e tradotto in Germania con il numero 63313. Recluso in vari campi di concentramento come quello di Wietzendorf dove incontrò vari teramani (tra cui Carino Gambacorta successivamente Sindaco di Teramo) prima del suo trasferimento nel campo di “rieducazione al lavoro” di Unterluss, nei pressi di Amburgo, lasciò il diario che era parte della sua vita ai suoi compagni di prigionia che lo custodirono.

Il diario fu riportato da Ezio Di Curzio alla moglie Rosina. Le sua pagine racchiudono tutta l’angoscia di un uomo che continuò a sperare fino alla fine nella libertà. Morì a seguito di torture e vessazioni il 4 aprile 1945. Il diario della Prigionia “Cara Rosina” è stato edito dall’Istituto Abruzzese per la Storia d’Italia dal fascismo alla resistenza.” Questa la biografia di Aberto Pepe, Medaglia d’Argento alla memoria.

Continua la lettura »

Scritto da Redazione

domenica 27 gennaio 2013 alle 17:16

343 visualizzazioni

Si gioca un patrimonio per sfuggire al Parkinson

un commento

La ruota della fortuna (miniatura del XII secolo)

Gratta e vinci, videopoker, Lotto e Superenalotto, scommesse sportive e slot machine. Mario S., pensionato romano di 72 anni, ex operatore della Rai addetto al montaggio, vedovo e affetto da morbo di Parkinson, in quattro anni ha tentato la sorte in ogni modo. Ha buttato al vento quasi centomila euro. Poi, per pagare i debiti, ha messo in vendita la casa. Ha smesso di giocare così come aveva iniziato, improvvisamente, dopo aver interrotto l’assunzione di un farmaco contro il Parkinson a base di pramipexolo. Sarebbe stato proprio il medicinale – dicono i suoi legali – a farlo diventare un giocatore d’azzardo patologico.

La disavventura ha segnato profondamente Mario. Il rapporto con la donna che amava è finito, così come la sua vita sociale a Tagliacozzo, in provincia dell’Aquila, dove si era trasferito dopo la pensione. Oggi risiede a Roma con la figlia e il genero. Ha intentato una causa contro la ditta che produce il farmaco e i medici della Asl che glielo hanno prescritto (i quali, chiamati in causa, hanno respinto ogni addebito). Da più di tre anni attende che il giudice si pronunci.

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

venerdì 25 gennaio 2013 alle 23:51

271 visualizzazioni

Castelli, la comunità buddista: «Caro sindaco, sbagli»

nessun commento

Il centro della Fondazione Avalokita a Castelli

Riceviamo e pubblichiamo una nota del presidente della Fondazione Avalokita, Stefano Carboni, sulla vicenda della licenza edilizia “negata” alla comunità buddista di Castelli. 

A seguito di un gran numero di interviste, articoli e interventi usciti sui mezzi di comunicazione negli ultimi giorni relativi al rilascio di una licenza edilizia da parte dell’Amministrazione comunale di Castelli (Teramo) alla Fondazione Avalokita, del quale l’attuale Sindaco di Castelli dott. Enzo De Rosa afferma essere in dubbio la legalità, avendo rilevato interpretazioni e affermazioni imprecise o erronee in svariate fonti, desideriamo precisare quanto segue:

– Il progetto di costruzione di un Centro di meditazione e vita consapevole, nella tradizione buddhista insegnata dal candidato Nobel per la Pace Thich Nhat Hanh….

Continua la lettura »

Scritto da Redazione

domenica 20 gennaio 2013 alle 18:28

555 visualizzazioni

Melozzi, il compositore che chiama arte la politica

nessun commento

Enrico Melozzi (foto Eleonora Graziani)

Storieabruzzesi.it incontra Enrico Melozzi, compositore pluridecorato con il pallino della politica, e aggiunge un altro ritratto alla personale galleria di personaggi abruzzesi che contribuiscono a rendere grande l’Abruzzo. Eccovi il resoconto di una chiacchierata semifilosofica.  

Enrico Melozzi musicista o artista?
«Sono sicuramente un musicista. La cosa certa è che mi esprimo e vivo grazie alla musica, principalmente. Quanto all’artista, direi che è un concetto aperto. Io considero artisti persone che magari nulla hanno a che fare con l’arte intesa come arte figurativa, poesia, cinema o altre arti che definiamo classiche. Magari un muratore tecnicamente bravo è anche un grande artista, perché l’amore e l’energia che mette nel costruire un muro sono più di un semplice fatto tecnico. E sono pronto a chiamarlo artista se lo riconosco tale. Io preferisco più definirmi un artigiano in quello che faccio, lascio agli altri la scelta di definirla o meno arte».

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

mercoledì 16 gennaio 2013 alle 9:43

400 visualizzazioni

«Siete buddisti? Niente licenza edilizia»

nessun commento

Thich Nhat Hanh (Corriere.it)

A Castelli, centro ceramico conosciuto in tutto il mondo, è guerra tra una piccola comunità di buddisti fedeli all’insegnamento del maestro vietnamita Thic Nhat Hanh e l’amministrazione comunale. Lo scontro ruota intorno a un progetto di ampliamento edilizio favorito dalla precedente giunta e ostacolato da quella nuova. Il sindaco, Enzo De Rosa, vorrebbe revocare la variante urbanistica con cui sono state concesse le prime autorizzazioni alla fondazione Avalokita, che rappresenta gli interessi della comunità.

Così è scoppiato un caso che alcuni non esitano a definire d’intolleranza religiosa, anche se il primo cittadino non ci sta a sedere sul banco degli imputati. «Semplicemente non ravvisiamo l’interesse pubblico», si affretta a precisare, annunciando esposti alla Corte dei Conti e alla Procura della Repubblica contro le licenze concesse dalla precedente amministrazione.

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

martedì 15 gennaio 2013 alle 0:36

47 visualizzazioni

«Salvatore condannato in un deserto probatorio»

nessun commento

La conferenza stampa dei legali di Parolisi

«L’ergastolo è una pena smisurata rispetto al deserto probatorio della sentenza, il giudice ha condannato con il dubbio quando invece con il dubbio si assolve». Sono i primi commenti che Valter Biscotti, Nicodemo Gentile e Federica Benguardato, legali di Salvatore Parolisi, il caporalmaggiore condannato all’ergastolo per l’omicidio della moglie Melania Rea, uccisa con 35 coltellate il 18 aprile 2011 in un boschetto nei pressi di Ripe di Civitella, hanno rilasciato ai giornalisti nel corso della conferenza stampa convocata lunedì mattina a Teramo.

Gli avvocati hanno parlato per oltre un’ora approfondendo i contenuti del provvedimento con il quale, al termine del rito abbreviato, il gup Marina Tommolini ha comminato a Parolisi la massima pena prevista dal codice penale.

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

martedì 08 gennaio 2013 alle 16:15

25 visualizzazioni

«Sesso negato: per questo è stata uccisa Melania»

nessun commento

Salvatore Parolisi (Corriere.it)

Lui si sarebbe avvicinato per fare sesso e la moglie lo avrebbe rifiutato, scatenando la furia omicida del marito. Un delitto d’impeto, maturato nell’ambito di un rapporto divenuto «impari» a causa della figura dominante di lei e dell’enorme frustrazione provata dal marito. Queste, in sintesi, le motivazioni della sentenza con cui il Gup del tribunale di Teramo, Marina Tommolini, ha condannato all’ergastolo il caporalmaggiore Salvatore Parolisi per l’omicidio di Melania Rea, uccisa con 35 coltellate il 18 aprile 2011 in un boschetto a Ripe di Civitella (Teramo).

E proprio il boschetto sarebbe stato il teatro del raptus, dunque di un gesto assai poco calcolato, che avrebbe spinto Parolisi ad uccidere.

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

venerdì 04 gennaio 2013 alle 1:27

49 visualizzazioni