storieabruzzesi.it

blog d'informazione

Se il Csv si “allea” con il Banco informatico

nessun commento

Il logo dell'iniziativa

Un luogo destinato esclusivamente alla formazione dei volontari delle Associazioni, che qui potranno seguire corsi di alfabetizzazione informatica, grafica e altre discipline collegate all’utilizzo del pc. È la Sala informatica, un progetto del Centro Servizi per il volontariato di Teramo e del BITeB (Banco informatico, tecnologico e biomedico), e sarà inaugurata dopodomani, venerdì 25 maggio, alle ore 18,30, nella sede del CSV, a Piano d’Accio, alla presenza di autorità, volontari e cittadini, in occasione del convegno sul tema “La tecnologia digitale per il volontariato”.

L’iniziativa è stata possibile grazie alla disponibilità e alla collaborazione del Banco Informatico Tecnologico e Biomedico (BITeB), operante a livello nazionale già da diverso tempo e ora attivo anche in Abruzzo.

L’obiettivo del BITeB è quello di riciclare computer ancora buoni per donarli ad associazioni di volontariato, fornire alle stesse licenze di software a costo accessibile, ritirare apparecchiature elettromedicali funzionanti per donarle a Paesi in via di sviluppo. La mission dichiarata del Banco informatico è quella di far crescere il non profit italiano attraverso la tecnologia. Con due divisioni operative, Informatica e Biomedica, dal 2003 a oggi ha raccolto e destinato a progetti sociali migliaia di computer e attrezzature ospedaliere ancora funzionanti, dismessi soltanto per esigenze di aggiornamento tecnologico. A queste si è aggiunta nel 2010 una terza divisione, Techsoup Italia, che dona a centinaia di organizzazioni software e hardware nuovi, messi a disposizione da aziende leader del settore informatico.

“L’attività svolta dal Banco – sottolinea il presidente del Centro Servizi per il volontariato di Teramo, Massimo Pichini – è una reale e concreta opportunità per tutte le associazioni, che possono abbattere i costi dell’acquisto di pc e dispositivi informatici e accedere alle licenze a prezzi sostenibili. La Sala informatica, ulteriore strumento che mettiamo a disposizione dei volontari, è la testimonianza di come la collaborazione tra il CSV e il Banco informatico possa offrire utili sinergie a chi opera gratuitamente in favore degli altri”.

Il programma dell’incontro prevede, dopo i saluti del sindaco, Maurizio Brucchi, e del vice presidente e assessore alle Politiche sociali della Provincia, Renato Rasicci, gli interventi di Bruno Calchera e Antonio Lavelli, rispettivamente direttore generale del BITeB e addetto alle relazioni esterne, i quali spiegheranno nel dettaglio alle associazioni le attività del Banco informatico.

di Redazione

mercoledì 23 maggio 2012 alle 11:54

44 visualizzazioni

Pubblicato in Cronache,Senzabarriere

Parole chiave: , ,

Lascia un commento

*