storieabruzzesi.it

blog d'informazione

Laturo e il sogno dell’ecovillaggio senza strada

nessun commento

Arrivo a Laturo (www.borgodilaturo.it)

Storieabruzzesi.it vi segnala il caso di Laturo, un borgo abbandonato (come tanti) nel comune di Valle Castellana, in una una zona sperduta fra Marche e Abruzzo. L’ultima famiglia abbandonò il villaggio alla fine degli anni Settanta. Ora un gruppo di ambientalisti, capitanati da un insegnante di ginnastica con la passione per l’escursionismo, ha deciso di riportarlo alla vita per farne un ecovillaggio senza strada, forse il primo in Italia di questo genere.

L’obiettivo è salvare le case, ormai in rovina, e la piccola chiesa, oltre ai resti di un’architettura antica (come i classici gafii, balconi di origine longobarda).

Sono già due anni che il gruppo di amici festeggia il Natale nel borgo abbandonato.

Il borgo di Laturo (foto Domenico Marinelli)

L’associazione “Amici di Laturo” si è data anche un codice etico per ricreare «non solo un turismo rurale intelligente, saltuario e di nicchia, ma un’idea di vita alternativa. In sostanza un progetto pilota di ecovilaggio, uno dei rarissimi al mondo senza strada». Solo così, dicono, si può tutelare il “fascino primordiale” del borgo alla «riscoperta del tempo perduto» attraverso «chilometri di dimenticati sentieri, borghi e gruppi di case che spuntano all’improvviso in mezzo alla folta vegetazione».

L’impegno dell’associazione è finalizzato, scrivono nel loro sito www.borgodilaturo.it (dove ci sono anche molte belle foto come si può vedere cliccando qui) a «spingere qualcuno a ripopolare stabilmente quelle terre cosi remote e selvagge, per tornarci a vivere almeno alcuni mesi all’anno».

Nicola Catenaro

di Nicola Catenaro

domenica 10 Febbraio 2013 alle 16:13

1.346 visualizzazioni

Pubblicato in Cronache,Storie

Parole chiave: ,

Lascia un commento

*