storieabruzzesi.it

blog d'informazione

Archivio per la parola chiave ‘isernia’

«Capotreno ferma il convoglio per fare la spesa»

nessun commento

La stazione di Venafro (Corriere.it)

Capotreno scende dal convoglio per fare la spesa al supermercato vicino alla stazione. E scatena la rabbia e l’indignazione dei pendolari in attesa di ripartire. Alcuni di loro, dopo aver appreso la causa del prolungarsi della sosta e aver visto con i propri occhi l’uomo tornare al lavoro con la busta in mano, hanno preso carta e penna e denunciato l’accaduto con una lettera aperta all’Ansa.

I fatti, secondo quanto si è appreso solo in questi giorni, si sono svolti lo scorso 8 aprile a Venafro, in provincia di Isernia, sul treno 2413 partito alle 17,35 da Roma Termini e diretto a Campobasso. Un episodio surreale, che ha costretto Trenitalia ad aprire un’indagine interna per verificare la vicenda e, contemporaneamente, ad annunciare provvedimenti nei confronti del capotreno se quanto segnalato dagli utenti troverà puntuale conferma.

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

martedì 23 aprile 2013 alle 23:06

29 visualizzazioni

«Batman veglia su Isernia». E il web impazzisce

nessun commento

L'ombra di Batman (da Facebook)

C’è chi gli promette voti se si candiderà a sindaco, altri gli chiedono di riportare ordine «perché in strada non si sta più tranquilli». Qualcuno lo supplica di riparare una frana mentre ci sono ammiratrici pronte a indossare le vesti di Catwoman, la popolare donna gatto dei fumetti, al suo fianco. Ma Isernia, capoluogo di provincia con poco più di ventimila abitanti, non è come Gotham City. E il Batman molisano, con la crisi che c’è, ha lasciato in garage la batmobile e indossa un paio di sneakers al posto dei lucidi stivali. Così capita che molti si prendano beffe dell’uomo mascherato (ma potrebbe essere anche una donna) che, da qualche settimana a questa parte, affigge manifesti rassicuranti dicendo di vegliare sulla città e si fa immortalare con maschera e mantello in pose dimostrative che poi diffonde sul web.

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

mercoledì 10 aprile 2013 alle 7:42

359 visualizzazioni