storieabruzzesi.it

blog d'informazione

Arte, cultura e cucina a Santo Stefano di Sessanio

nessun commento

Luigi Marini, delegato degli accademici della cucina teramani

L’arte che incontra la cucina in uno degli scenari più incantevoli d’Abruzzo. L’ideale connubio di cui parliamo è avvenuto a Santo Stefano di Sessanio tra l’amministrazione comunale, la Galleria degli Uffizi di Firenze e le delegazioni dell’Accademia della Cucina di Teramo e L’Aquila. Lo scopo era quello di valorizzare la mostra, allestita nel borgo abruzzese dal 7 luglio e visitabile fino al 30 settembre, dal titolo “Paesi, pastori e viandanti”. Un evento che ha rinnovato e consolidato il sodalizio tra Santo Stefano di Sessanio e la città di Firenze, dopo lo straordinario successo ottenuto lo scorso anno da “Condivisione di Affetti”, che ha richiamato migliaia di turisti italiani e stranieri, appassionati di arte e cultura, giornalisti e scolaresche (oltre 14.000 i visitatori paganti), dimostrando come si possa fare rilancio del turismo e delle economie delle aree interne con iniziative di vera qualità.

La locandina della mostra

Questa nuova rassegna, promossa dal Comune di Santo Stefano di Sessanio e dalla Galleria degli Uffizi, è dedicata ai temi del paesaggio e della pastorizia. Il percorso espositivo si articola in tre diversi ambienti, ciascuno dei quali illustra aspetti importanti della realtà rurale, il paesaggio e i mestieri legati alla vita montana e contadina. Sono, inoltre, esposti preziosi marmi romani che richiamano i temi trattati dalle tele.Ventinove le opere in esposizione, provenienti dal patrimonio del museo fiorentino, che vanno a impreziosire la sede municipale e due suggestivi e caratteristici locali – Le Carceri e le Botteghe dell’artigianato domestico, dei decotti e dei fermentati – riproponendo la formula itinerante che la scorsa edizione ha riscosso un ottimo consenso.

L’incontro tra arte e cucina – coordinato da Luigi Marini, delegato degli accademici della cucina teramani, e Walter Mazzitti, presidente del Comitato per la rinascita di Santo Stefano di Sessanio – si è tenuto all’indomani dell’inaugurazione della mostra ed ha visto l’adesione di numerosi partecipanti. E’ stato inoltre arricchito dalla presenza di Antonio Natali, direttore della Galleria degli Uffizi. Luogo prescelto: “La locanda sul lago”, un bel ristorante collocato sul bordo del laghetto di Santo Stefano di Sessanio che ha proposto squisiti piatti della tradizione locale.

Ad incantare la platea è stato l’intervento di Natali, il quale ha spiegato che l’idea di allestire una nuova mostra a Santo Stefano di Sessanio è nata dalle recenti e solide relazioni culturali instauratesi tra la Galleria degli Uffizi e il comune abruzzese, connesso a Firenze da indissolubili vincoli storici. Fin dal 1579, infatti, Costanza, figlia unica di Innico Piccolomini, cedette la Baronia di Carapelle a Francesco de’ Medici Granduca di Toscana. Fu così che queste terre passarono al casato fiorentino fino al 1743. Per Santo Stefano di Sessanio furono secoli di benessere e splendore, anche grazie al fiorente commercio della lana “carfagna”, prodotta in Abruzzo, lavorata in Toscana e venduta poi in tutta Europa.

La Torre dei Medici, quasi totalmente distrutta dal terremoto del 2009 ed in attesa di restauro come altri monumenti ed edifici di Santo Stefano, ne è peraltro la prova evidente.

La Torre dei Medici a Santo Stefano di Sessanio

di Redazione

sabato 01 settembre 2012 alle 15:41

174 visualizzazioni

Lascia un commento

*