storieabruzzesi.it

blog d'informazione

Benzina a prezzo di costo contro lo spopolamento

nessun commento

Il sindaco di Cortino Gabriele Minosse

Una stazione di rifornimento self-service, con carburante a prezzi di costo per contrastare lo spopolamento del paese e della montagna: è quella inaugurata dall’amministrazione comunale di Cortino, borgo montano della provincia di Teramo con poco più di 700 anime. Da qualche settimana, in Abruzzo, questa scelta sembra essere diventata il simbolo della lotta contro l’abbandono sempre più frequente delle aree interne.
Il sindaco, Gabriele Minosse, ci crede fortemente. «Preferiamo finanziare queste iniziative piuttosto che Pro Loco e manifestazioni. Queste zone rischiano davvero di morire senza un adeguato sostegno. Noi vogliamo invece invogliare le persone a restare e lo stiamo facendo con ogni mezzo possibile».

Realizzata con il contributo del Bim, consorzio di Comuni del Teramano, la stazione denominata «Cortin-Oil» ha un proprio regolamento che prevede, per i residenti e i proprietari (o i semplici possessori) di case a Cortino, l’attivazione del servizio tramite tessera prepagata.

La card, che l’amministrazione concede anche alle imprese operanti nel suo territorio, dà diritto a un quantitativo massimo di carburante acquistabile a prezzo agevolato. Il limite di spesa è pari a 220 euro al mese per i residenti, 100 euro per i non residenti possessori o proprietari di case, 2.500 euro al mese per i titolari di partita Iva purché residenti. Il vantaggio, spiega il sindaco Minosse, è assicurato: «Non trattando con le compagnie petrolifere, possiamo acquistare al prezzo migliore disponibile sul mercato». Il prezzo di conseguenza per i cittadini cambierà di volta in volta perché sarà correlato al prezzo di acquisto del carburante da parte del distributore «Cortin-Oil» .

Anche i semplici turisti potranno naturalmente rifornirsi al distributore del Comune. Non avranno gli stessi sconti dei residenti, ma potranno acquistare il carburante a un prezzo comunque conveniente. Per loro benzina e diesel costeranno solo nove centesimi al litro in più rispetto agli aventi diritto. I prezzi differenziati per residenti e non scatteranno quando, a giorni, il Comune distribuirà materialmente le tessere agli aventi diritto. Nell’attesa è stata fissata un’offerta “di lancio” uguale per tutti ed equivalente al prezzo di costo con l’aggiunta di tre centesimi al litro. Oggi, ad esempio, si poteva acquistare il diesel a 1.67 euro mentre la benzina a 1.77.

L’impianto risolve anche un altro grande problema dei residenti che, per rifornire la propria vettura o i mezzi agricoli, fino a ieri erano costretti a fare decine di chilometri per raggiungere un distributore. La stazione non è la sola iniziativa anti-spopolamento del Comune di Cortino. Il sindaco elenca una serie di altri progetti finalizzati a rendere conveniente la residenza nel paese montano: buoni pasto per la mensa dell’asilo a 50 centesimi; colonia estiva per il primo figlio a 40 euro tutto compreso per dodici giorni, cioè poco più di tre euro al giorno (e la cifra scende se ci sono anche il secondo e il terzo figlio); trasporto scolastico a cinque euro al mese per bambino mentre quello alla piscina è gratis; addizionale Irpef ferma da dieci anni allo 0,2 per mille; tassa per lo smaltimento dei rifiuti pari a 80 centesimi al metro quadrato (per una casa di 100 metri quadrati, si arriva così a spendere al massimo 80 euro); prelievi per gli esami del sangue a domicilio. «Niente feste, però, non ce lo possiamo permettere» ripete con fermezza Minosse.

 Nicola Catenaro

Pubblicato su Corriere.it il 16 agosto 2012

© RIPRODUZIONE RISERVATA

di Nicola Catenaro

venerdì 17 agosto 2012 alle 0:06

54 visualizzazioni

Lascia un commento

*