storieabruzzesi.it

blog d'informazione

Archivio per il 2011

Amici e poeti di Simone Gambacorta

nessun commento

Simone Gambacorta (foto Antonio Di Sabatino)

Scrivo del libro “Amici e poeti” (Duende, 2011) di Simone Gambacorta, critico letterario e giornalista oltre che amico (e questo non è un particolare trascurabile, visto che anche io scrivo e pubblico poesie), con colpevole ritardo rispetto alla data dell’avvenuta consegna da parte dello stesso. Un ritardo voluto. Io questo libricino di circa settanta pagine – che raccoglie ricordi e riflessioni legate agli incontri avuti con tre poeti teramani, Antonio Alleva, Raymond André e Giammario Sgattoni – l’ho voluto rimuginare prima di scriverne anche solo qualche breve nota.

Il tempo cancella ricordi e ferite, si dice banalmente, ma aiuta anche a trovare chiavi di interpretazione e soluzioni alla realtà che ci circonda. Dunque, occorre lasciarselo scivolare addosso (il tempo) quando serve. Soprattutto quando, come in questo caso, interviene a sciogliere dubbi e sottili (ma insidiose) malinconie.

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

venerdì 09 Dicembre 2011 alle 19:50

238 visualizzazioni

Il coraggio di immaginare a Teramo

nessun commento

Claudio Benghi, "L'uscita del giardino"

«Senza immaginazione  non c’è salvezza»,  sosteneva il celebre storico dell’arte  Giulio Carlo Argan, intendendo che senza di essa non può esservi occasione al superamento del mondo ma solo prevedibilità. Chi non sogna  – prosegue Maria Cristina Ricciardi, curatrice della mostra Il coraggio di immaginare – rinuncia al cambiamento, al coraggio di immaginare possibili alternative di possibili sistemi di vita, diversi da quelli in uso.

Capiamo bene, quindi, quanto sia  importante, soprattutto oggi, conservare  la facoltà di immaginare, la possibilità di sognare  e  di mettere i nostri sogni a disposizione dell’intelletto. È importante  per ciascuno di noi  ed in particolar modo per le nuove generazioni, spesso appiattite da troppa compagnia tecnologica, dall’azzeramento delle prospettive di chi pensa che tanto non cambierà mai niente, dai frequenti pessimi esempi di chi li ha preceduti, in una Italia in forte crisi morale prima che  economica e dalla quotidianità sempre più violenta.

Continua la lettura »

Scritto da Redazione

sabato 26 Novembre 2011 alle 10:10

857 visualizzazioni

Treni nemici, la storia di Mariaclaudia

nessun commento

Mariaclaudia Cantoro

Tre volte alla settimana parte dalla stazione ferroviaria di Giulianova Lido, in Abruzzo, per andare ad insegnare diritto in una scuola di Pesaro, nelle Marche. Mariaclaudia Cantoro, 40 anni, docente precaria disabile, è una persona coraggiosa ed è contenta dell’incarico che ha. E’ meno contenta del treno (non attrezzato per ospitare persone diversamente abili, come testimoniato dal video amatoriale che lei stessa, con l’aiuto di un amico, ha girato) che ogni mattina, alle 5,30, parte dalla località costiera in provincia di Teramo per accompagnarla al lavoro. Dopo una laurea in Giurisprudenza, un master per giurista d’impresa e vari altri corsi (tra i quali la specializzazione per l’insegnamento), Mariaclaudia – che fino a pochi anni fa coltivava il sogno di diventare notaio – si è dovuta accontentare degli incarichi di supplenza annuale con i quali, prima a Rovigo per due anni, ora a Pesaro da settembre, ma soltanto il lunedì, il mercoledì e il sabato, si guadagna da vivere.

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

venerdì 25 Novembre 2011 alle 11:27

78 visualizzazioni

Pescara, Benni “apre” il Festival delle letterature

nessun commento

Stefano Benni

Parole, immagini e musica si intersecheranno a più riprese nel nono Festival delle Letterature dell’Adriatico che si svolgerà a Pescara dal 16 novembre (domani l’inaugurazione, con l’intervento dello scrittore Stefano Benni) al 20 novembre 2011. Per la prima volta la manifestazione non animerà solo il centro urbano ma si sposterà anche nel quartiere storico del capoluogo adriatico, quello dagli echi dannunziani e l’intuito flaianeo, pronta a catalizzare l’attenzione dell’intero territorio. 

Il Festival verrà inaugurato dall’intervento dello scrittore Stefano Benni mercoledì 16 novembre. Di mattina sono in programma incontri con gli studenti delle scuole elementari, di sera cene a tema presso i ristoranti del centro storico.

Continua la lettura »

Scritto da Redazione

martedì 15 Novembre 2011 alle 19:53

62 visualizzazioni

Dimenticato nello scuolabus. Ha quattro anni

nessun commento

Scuolabus-trappola a Montorio al Vomano per un bimbo di 4 anni

Dimenticato nello scuolabus per quattro ore, adesso è in cura da una psicologa. Tragedia evitata ma i genitori, infuriati, si sono rivolti ad un legale e passano alle denunce. È accaduto a Montorio al Vomano, in provincia di Teramo. Protagonista della vicenda è un bimbo di quattro anni. Venerdì scorso, all’incirca alle 9, la madre lo saluta davanti alla propria abitazione mentre, come accade ogni giorno, sale sul pulmino che lo condurrà all’asilo. Qui, però, arriverà solo alle 13,30, dopo che gli addetti del consorzio che gestisce i servizi di trasporto e assistenza per conto del Comune si accorgono che il bambino è rimasto all’interno del mezzo per l’intera mattinata.

Le maestre contattano immediatamente la madre e l’avvertono del fatto che il figlio è stato portato all’asilo in quel momento.

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

giovedì 10 Novembre 2011 alle 20:03

44 visualizzazioni

Cermignano, ecco la strada che finisce nel nulla

nessun commento

La strada vista dalla torre di Montegualtieri

È lunga un chilometro ed è asfaltata, ma illuminazione e segnaletica mancano. È dritta e larga ma non ha ancora un nome e, soprattutto, non porta da nessuna parte. La «strada fantasma» di Cermignano, come la chiamano, ha inizio in un punto della provinciale che nel Teramano sale verso la frazione di Montegualtieri, dove sorge un’antica torre medioevale, e muore in uno stretto e non facile percorso di campagna usato da sempre come scorciatoia per raggiungere, circa cinque chilometri più avanti, l’ingresso dell’autostrada per Roma.

Di strano c’è anche che l’opera, finanziata nell’ambito di un’intesa tra Governo e Regione Abruzzo, dovrebbe servire aree produttive di cui non vi è traccia.

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

martedì 01 Novembre 2011 alle 18:11

333 visualizzazioni

L’altra Unità, le lingue minori per l’unificazione

nessun commento

Le tante lingue del Belpaese

Nel 150° anniversario dell’Unità d’Italia, la rassegna “Emergenze Mediterranee” dedica un evento alle tante “alterità” che compongono l’identità del nostro Paese. Un viaggio nel tempo e nello spazio all’interno del grande e misconosciuto patrimonio culturale nascosto tra le minoranze linguistiche presenti nella nostra Italia. Ladini, occitani, arbëreshe, sardi, sloveni, friulani sono solo alcune delle comunità che hanno avuto un ruolo fondamentale nel processo di unificazione nazionale.

Qusto pomeriggio, alle ore 18, nella Sala San Carlo del Museo Archeologico di Teramo, alle voci degli studiosi si mescolerà la voce narrante di Claudio Marchione. Racconti nei quali alla lingua “di tutti” si intrecceranno le lingue “di pochi”, suoni sconosciuti e dallo straordinario potere evocativo, che aggiungono nuovo senso al nostro frasario comune.

Continua la lettura »

Scritto da Redazione

venerdì 28 Ottobre 2011 alle 13:01

798 visualizzazioni

Lamonica, fischi e fiaschi di un arbitro internazionale

nessun commento

La copertina del libro-diario dell'arbitro di basket Lamonica

Nell’ambito del 16° Premio Nazionale Paolo Borsellino (www.premiopaoloborsellino.it) è prevista la presentazione, in anteprima nazionale, del libro dell’arbitro internazionale di basket, di origini pescaresi, Luigi Lamonica, edito da Carsa ed intitolato “DECIDERE. Fischi e fiaschi olimpici, mondiali ed europei di un arbitro di basket” (CARSA Edizioni, 168 pagine, 326 foto a colori, 22 Euro). Il volume è curato da Luca Maggitti.

La presentazione si svolgerà domani, venerdì 28 ottobre, alle ore 17.30, a Roseto degli Abruzzi (Teramo), nella Villa Comunale (via Nazionale 250). Nel corso della presentazione del libro, l’autore dialogherà sull’argomento “Sport e Regole” con il giornalista e scrittore Flavio Tranquillo.

 

Continua la lettura »

Scritto da Redazione

giovedì 27 Ottobre 2011 alle 16:14

435 visualizzazioni

Folk d’Abruzzo, vola negli Usa la poesia dei DisCanto

4 commenti

I DisCanto a Vineland (New Jersey) lo scorso 12 ottobre

Sembra quasi di vederli, i boscaioli di Villavallelonga, camminare verso casa cantando “L’aria alla Villa è l’aria fina, bbiate a chi ce sta, chi la respira. I ttrune, i ttrune anè, bbiate a chi ce sta, chi la respira” (L’aria alla Villa è aria fina, beato chi ci sta, chi la respira. E tuona, tuona, beato chi ci sta, chi la respira”), rassicurando il proprio amore a chi li sta aspettando. O le donne di Cupello battersi il petto cantilenando “Mare maje”, “povera me”, con melodie che ricordano quelle balcaniche, ereditate dall’invasione turca del XV secolo: melodie che si ritrovano anche nel terzo movimento della prima sinfonia di Malher, autore attento alle tradizioni popolari di quell’area. Filastrocche, ninne nanne e canti d’amore della tradizione contadina abruzzese sono nel repertorio del terzo millennio del gruppo sulmonese di musica etnica abruzzese “DisCanto”.

Continua la lettura »

Scritto da Cristina Mosca

mercoledì 26 Ottobre 2011 alle 18:00

995 visualizzazioni

Politica, Di Sante: tante vetrine e manca il confronto

nessun commento

Giandomenico Di Sante

Vi proponiamo l’intervista a Giandomenico Di Sante, presidente della Banca dell’Adriatico ed autorevole esponente dell’economia abruzzese, pubblicata sul numero di ottobre 2011 di Unindustria, magazine di Confindustria Teramo. La vera sfida, secondo Di Sante, è l’innovazione. Anche in politica…

Presidente Di Sante, la crisi non sembra risparmiare nessuno. E le banche, spesso, vengono accusate di non sostenere abbastanza le imprese. È vero o è falso?
«Innanzitutto bisogna dire che questa è una crisi particolare. Non somiglia tanto a quella del 1929, secondo me, ma a quella tra il 1973 e il 1979, ovvero alla crisi petrolifera, dopo la guerra del Kippur, quando il prezzo del petrolio andò a finire alle stelle. È stato un periodo molto lungo e la crisi è stata superata con una notevole gradualità e con un percorso molto impegnativo».

Continua la lettura »

Scritto da Nicola Catenaro

lunedì 24 Ottobre 2011 alle 17:01

95 visualizzazioni