storieabruzzesi.it

blog d'informazione

La magia di tornare a vedere il mondo

nessun commento

Il trapianto di cornea

La Banca degli Occhi di L’Aquila, diretta dal dottor Germano Genitti, è il Centro di Riferimento per le Donazioni e i Trapianti di Cornea e per le Membrane Amniotiche per la Regione Abruzzo e per la Regione Molise.

Si tratta della struttura sanitaria deputata alla certificazione di idoneità  e alla distribuzione delle cornee e dei tessuti donati nelle suddette regioni. E’ operativa  presso l’ospedale ”S. Salvatore”, Edificio 2 Ingresso C, dall’anno 2002, è una delle 15 Banche di cornea presenti sul territorio nazionale ed una delle 9 banche di tessuti italiane che processano tessuti oculari – cornee, lenticoli corneali, sclere – e membrane amniotiche.

Alla fine dell’anno 2008 è stata inserita nel Nuovo Piano Sanitario Regionale come U.O.S. Dipartimentale Banca degli Occhi della ASL dell’Aquila ed ha ottenuto la conferma del ruolo di Centro di Riferimento Regionale. 

Ha, inoltre, conseguito altri importanti risultati, essendo stata ispezionata ed accreditata dal Centro Nazionale Trapianti nel 2006 (conferma dell’accreditamento nel Dicembre 2008), e avendo conseguito nello stesso anno la Certificazione ISO 9001:2000, adeguata quest’anno alle nuove norme ISO 9001:2008.

La Banca degli Occhi di L’Aquila ha tra i compiti prioritari quello della sensibilizzazione, diffondendo il valore morale e sociale dell’atto della donazione. Un gesto semplice e gratuito, un estremo atto d’amore che aiuta a migliorare la vita di una delle 5.000 persone che, ogni anno, necessitano del trapianto di cornea in Italia. La Banca di L’Aquila, membro della SIBO (Soc. italiana banche degli occhi), ha aderito, inoltre, all’ambizioso progetto  “Una cornea per un bambino”, che ha codificato una procedura unica che permette di ottenere nel modo più veloce la cornea migliore per il bambino in lista di attesa per trapianto sul territorio nazionale.

La nascita della Banca degli Occhi, a L’Aquila, ha determinato un significativo incremento delle donazioni di cornea nella regione Abruzzo, in particolare a L’Aquila, dove grazie anche al supporto della Direzione Generale e Sanitaria, del Coordinamento Regionale e dell’Ufficio Coordinamento Locale Trapianti è stata codificata una Procedura Operativa interna al P.O. S. Salvatore che ha condotto, nell’anno 2005, a raggiungere il più elevato indice europeo di donazioni in rapporto alla popolazione.

Infatti, da 2-3 donazioni l’anno si è passati ad avere circa 100 cornee l’anno donate a L’Aquila; la Banca nei suoi 7 anni di attività ha processato più di 1300 tessuti implementando la processazione della membrana amniotica, carrier delle cellule staminali e ottenute dalla donazione di giovani partorienti in buona salute che donano la placenta al momento del parto.

Inoltre, grazie all’ArgoVision srl , una società che comprende circa 100 ottici in Abruzzo,  Molise e Marche, è nata ASDOC (Attività per la Sensibilizzazione alla Donazione di Organi e Cornee) che ha permesso che i centri ottici aderenti divenissero punti permanenti di sensibilizzazione alla cultura della donazione.

Tutti sono potenziali donatori di cornea, a qualsiasi età, anche con problemi di vista e questo è il messaggio che la Banca degli Occhi di L’Aquila vuole divulgare in tutta la nostra regione e non solo nella città di L’Aquila.

(Da “Cuore volontario”, rivista del CSV di Teramo, dicembre 2010)

di Redazione

sabato 19 febbraio 2011 alle 9:55

483 visualizzazioni

Lascia un commento

*